IMU e TASI 2016 - Professionistimpresa

by Professionistimpresa
5 anni ago
170 Views

Anche quest’anno torna l’immancabile appuntamento con le tasse sulla casa. Il 16 giugno è infatti il termine ultimo per il pagamento della prima rata dell’Imu e della Tasi 2016

Entro il 16 giugno 2016 i contribuenti a cui è dovuto il pagamento della prima rata dell’IMu e della Tasi 2016 potranno scegliere se versare il 50% dell’imposta o l’intero importo in un’unica soluzione. Nel caso si scelga il versamento in due rate, il saldo dovrà essere versato entro il 16 dicembre 2016.

Soggetti passivi

Sono soggetti passivi dell’IMU (Imposta Municipale Unica): il proprietario dell’immobile; l’usufruttuario; il titolare di diritto di abitazione, di enfiteusi, di superficie e d’uso; il locatario di bene in leasing e il concessionario di beni demaniali.

Sono soggetti passivi TASI (Tassa sui servizi indivisibili) sia il possessore dell’immobile (a titolo di proprietà o altro diritto reale: usufrutto, uso, abitazione, superficie, ecc.) che il detentore (es. inquilino) se per quest’ultimo il periodo di possesso si protrae per almeno 6 meni nel corso dell’anno.

IMU e TASI abitazione principale

Dal 2016 è abolita la TASI sulle abitazioni principali (non di lusso) e relative pertinenze (sempre nei limiti di tre ciascuna appartenente a categoria C/2, C/6 e C/7). La TASI continuerà invece ad applicarsi sulle abitazioni principali di lusso (cat. A/1, A/8 e A/9).

Qualora, l’abitazione in questione sia locata e la stessa rappresenti per l’inquilino abitazione principale (non di lusso), la TASI sarà dovuta dal solo possessore (l’inquilino sarà esente per la sua quota).

Dal 2016, dunque, IMU e TASI non sono dovute sull’abitazione principale di categoria non di lusso e relative pertinenze, mentre sono dovute su abitazioni principali di categoria catastale di lusso e relative pertinenze.

Fonte: Fiscal Focus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *