Detrazione spese scolastiche - Professionistimpresa

by Professionistimpresa
5 anni ago
200 Views

Un contribuente nel 2015 ha sostenuto spese per la mensa del figlio iscritto alla scuola elementare per un importo pari a € 500; può portare in detrazione nel 730 tale tipologia di spese? Qual è la documentazione da conservare/esibire ai fini dell’ottenimento del suddetto beneficio?

L’art 15 del TUIR, lettera e bis) introdotta dalla Legge 107 del 13 Luglio 2015 prevede una detrazione del 19% delle spese per la frequenza di scuole dell’infanzia del primo ciclo di istruzione e delle scuola secondaria di secondo grado su un importo annuo non superiore a € 400 per alunno o studente;

Tale tipologia di spese è stata oggetto di chiarimenti nella Circolare n°3/E dell’Agenzia delle Entrate che ha ammesso alla detrazione le tasse, i contributi obbligatori (ad esempio la mensa), i contributi volontari e le altre erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici e sostenuti per la frequenza scolastica. Rimane, in ogni caso, escluso dalla detrazione l’acquisto di materiale di cancelleria e di testi scolastici per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Quindi nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta 2015 il contribuente potrà portare in detrazione anche le spese per la scuole materna e le scuole elementari, si citano a titolo esemplificativo la tassa di iscrizione, di frequenza e la spesa per la mensa scolastica; in virtù del principio di cassa, potranno essere portate in detrazione anche le spese relative ad anni precedenti che per svariate ragioni sono state pagate nel corso del 2015.

È necessario che tali spese siano comunque pagate mediante sistemi tracciabili quali banca o posta.

In merito ai documenti da conservare ai fini del riconoscimento del beneficio, pur non essendoci indicazioni ufficiali in tal senso, è dimostrabile attraverso l’esibizione di copia delle ricevute che attestino gli effettivi versamenti: estratto del conto corrente, bonifici bancari, ricariche effettuate nelle cartolerie/tabaccherie abilitate, attestazione delle spese sostenute rilasciata dall’erogatore del servizio.

In mancanza di queste ricevute di pagamento è possibile farsi rilasciare dalla segreteria della scuola un attestato di pagamento su cui va apposta una marca da bollo di 2 euro qualora la spesa sostenuta superi i 77,46 euro.

Fonte: Fiscal Focus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *